Breve presentazione

Situata nel Dipartimento di Rivas, nella zona meridionale del paese, Belén è una cittadina di ca. 16’000 abitanti. Molte donne della regione lavorano nella maquila (zona di produzione di un’impresa multinazionale), con turni fino a dodici ore. Alcune madri possono contare sull’aiuto di genitori o parenti per badare ai loro bambini. Molte devono invece ricorrere ad altre soluzioni, spesso a pagamento, che hanno quindi una forte incidenza sulla qualità di vita generale della famiglia.
L’asilo di Belén è un progetto che nasce dall’esigenza di offrire alla comunità e, in particolare, alle madri sole costrette a lavorare regolarmente lontano da casa, un luogo sicuro dove lasciare i propri figli, che sia al contempo accessibile anche ai budget più modesti. L’asilo è inoltre particolarmente attento allo sviluppo delle necessità fisiche, motorie, alimentari, educative e sociali delle bambine e dei bambini.

 

Fai una donazione libera

Con una donazione libera, ci consentirai di sostenere globalmente i nostri progetti aiutandoci così in modo flessibile e rapido.

Spesso un progetto prevede attività e costi che non sono coperti dai padrinati, oppure vengono segnalate emergenze o bisogni straordinari. Per far fronte a queste necessità vengono utilizzati i fondi delle donazioni libere.

I contributi versati alle organizzazioni di pubblica utilità sono deducibili dalle imposte nella maggioranza dei cantoni e all’estero. Consultare i dettagli presso i servizi locali delle contribuzioni. La nostra Associazione ha ricevuto il riconoscimento di pubblica utilità dal Consiglio di Stato del Cantone Ticino in data 22.11.1989. Alla fine di ogni anno vi spediremo un attestato di donazione.
Per i versamenti singoli fino a Fr. 500.- non invieremo un ringraziamento, se non espressamente richiesto.Vorremmo così operare un risparmio sulle spese postali. Grazie per la comprensione!

Documentazione

    Diventa volontario

    “La prima attitudine del cooperante, del volontario, deve essere di profonda autocritica. […] Questa disposizione a venire come ‘colui che impara’ è fondamentale. Essa permette un altro tipo di scambio di conoscenze e di culture a vantaggio di una visione più globale dell’esperienza di vita.” — Leonardo Boff

    Da più di trent’anni promuoviamo la figura del volontario all’interno delle nostre attività sul campo. Nel tempo, e in collaborazione con i nostri partner, abbiamo voluto stabilire alcune regole e criteri che sono diventati necessari per poter svolgere un periodo di volontariato nel quadro dei nostri progetti:

    Bisogna essere maggiorenni e in buona salute. È d’obbligo la buona conoscenza della lingua spagnola, scritta e parlata. Buone attitudini al lavoro di gruppo, allo scambio e sensibilità a contesti culturali differenti sono infine auspicate.

    Le candidature (in italiano o spagnolo) per un periodo di volontariato devono pervenire al nostro segretariato corredate dal Curriculum Vitae, da una lettera di motivazione e da una copia dell’ultimo diploma conseguito. Bisogna annunciarsi almeno 6 mesi prima dell’inizio auspicato del periodo. La conferma della candidatura e del periodo proposto avviene solo dopo un colloquio di presentazione.



    Tipologie di volontariato

    1. Volontariato

    Il periodo minimo di soggiorno è di quattro mesi. Le formazioni più richieste sono in ambito sanitario (medici e infermiere/i), educativo (maestre/i, formatrici/ori) e psicosociale (pedagogiste/i, psicologhe/gi). Altre formazioni possono essere prese in considerazione.

    2. Servizio Civile Svizzero (ZIVI)

    Il periodo minimo dipende dal mansionario ma è di almeno tre mesi. I mansionari sono per collaboratori sanitari, educativi e tecnici ambientali.

    3. Stage

    Il periodo di stage è da concordare con la scuola. Il periodo minimo di stage sono 12 settimane.

    Formulario di contatto

    Inviateci le vostre richieste per maggiori informazioni sui progetti e su come sostenerli.

    AMCA
    Tel +41 91 840 29 03
    Fax +41 91 840 29 04
    E-mail: info@amca.ch

    Persona di contatto:
    Manuela Cattaneo Chicus
    Coordinatrice progetti – AMCA