Di tutte le forme di tumore registrate dai dati istituzionali dei sistemi sanitari in Centro America, il cancro cervicouterino (CaCu) rappresenta la prima causa di morte per tumori maligni nelle donne di età compresa tra i 25  e i 64 anni, seguito dal cancro al seno. Questo avviene nonostante il CaCu sia una forma di tumore che, se opportunamente diagnosticato, offre le maggiori probabilità di essere curato.

Questa situazione evidenzia un chiaro problema di diagnosi tardiva. Per ragioni culturali, ma anche a causa della scarsità di risorse per la diagnosi precoce, i controlli preventivi vengono effettuati molto raramente. Ne conseguono casi clinici di livello molto avanzato al momento dell’ospedalizzazione.

Le attività del programma regionale di prevenzione coordinato da AMCA, si concentrano sul rafforzamento dell’informazione e della sensibilizzazione delle donne, sulla necessità di esami preventivi, da realizzare all’interno dei sistemi sanitari di ogni paese, creando così una “cultura della prevenzione”. Inoltre si vuole formare il personale sanitario per le diagnosi precoci dei casi e fornire conoscenze e attrezzature moderne, e minimamente invasive, per il trattamento di casi lievi (pre-cancerosi) nelle strutture sanitarie di primo livello (cliniche e ambulatori delle regioni rurali) e nelle stesse comunità.

AMCA da diversi anni opera nei paesi Centro Americani sostenendo interventi e attività di organizzazioni locali impegnate nella prevenzione e lotta contro il CaCu. Attraverso questo programma, in Nicaragua, sosteniamo l’azione dell’ONG Movicancer e del Ministero della Salute, facilitando l’introduzione di tecniche di intervento, formazioni e materiale medico per operare in casi di lesioni pre-cancerogene, così da evitare che le pazienti sviluppino forme più gravi del tumore.

In Guatemala, con la collaborazione di ISDM (Instancia para la Mujer, una ONG locale) stiamo lavorando con diverse cliniche ginecologiche del sistema sanitario pubblico, soprattutto nelle zone rurali e con le donne indigene. Grazie alle attività di ISDM sono inoltre in pubblicazione nuove norme e protocolli di intervento nei casi di CaCu.

In El Salvador sosteniamo la ONG MAM (Asociación Movimiento de mujeres “Mélida Anaya Montes”) che è attiva  in due comuni rurali (Zacatecoluca e Tecoluca) dove vengono promosse a livello comunitario le organizzazioni femminili locali e il loro coordinamento con il sistema sanitario, per effettuare esami e condividere informazioni sulla prevenzione tra le donne della regione.

Fai una donazione libera

Con una donazione libera, ci consentirai di sostenere globalmente i nostri progetti aiutandoci così in modo flessibile e rapido.

Spesso un progetto prevede attività e costi che non sono coperti dai padrinati, oppure vengono segnalate emergenze o bisogni straordinari. Per far fronte a queste necessità vengono utilizzati i fondi delle donazioni libere.

I contributi versati alle organizzazioni di pubblica utilità sono deducibili dalle imposte nella maggioranza dei cantoni e all’estero. Consultare i dettagli presso i servizi locali delle contribuzioni. La nostra Associazione ha ricevuto il riconoscimento di pubblica utilità dal Consiglio di Stato del Cantone Ticino in data 22.11.1989. Alla fine di ogni anno vi spediremo un attestato di donazione.
Per i versamenti singoli fino a Fr. 500.- non invieremo un ringraziamento, se non espressamente richiesto.Vorremmo così operare un risparmio sulle spese postali. Grazie per la comprensione!



Documentazione

    Diventa volontario

    “La prima attitudine del cooperante, del volontario, deve essere di profonda autocritica. […] Questa disposizione a venire come ‘colui che impara’ è fondamentale. Essa permette un altro tipo di scambio di conoscenze e di culture a vantaggio di una visione più globale dell’esperienza di vita.” — Leonardo Boff

    Da più di trent’anni promuoviamo la figura del volontario all’interno delle nostre attività sul campo. Nel tempo, e in collaborazione con i nostri partner, abbiamo voluto stabilire alcune regole e criteri che sono diventati necessari per poter svolgere un periodo di volontariato nel quadro dei nostri progetti:

    Bisogna essere maggiorenni e in buona salute. È d’obbligo la buona conoscenza della lingua spagnola, scritta e parlata. Buone attitudini al lavoro di gruppo, allo scambio e sensibilità a contesti culturali differenti sono infine auspicate. Per il 2021 a causa della pandemia, non sono previste partenze per volontariato. Si accettano candidature solo a partire dal 2022. 

    Le candidature (in italiano o spagnolo) per un periodo di volontariato devono pervenire al nostro segretariato corredate dal Curriculum Vitae, da una lettera di motivazione e da una copia dell’ultimo diploma conseguito. Bisogna annunciarsi almeno 6 mesi prima dell’inizio auspicato del periodo. La conferma della candidatura e del periodo proposto avviene solo dopo un colloquio di presentazione. Per informazioni e invio delle candidature scrivere a segretariato@amca.ch



    Tipologie di volontariato

    1. Volontariato

    Il periodo minimo di soggiorno è di quattro mesi. Le formazioni più richieste sono in ambito sanitario (medici e infermiere/i), educativo (maestre/i, formatrici/ori) e psicosociale (pedagogiste/i, psicologhe/gi). Altre formazioni possono essere prese in considerazione.

    2. Servizio Civile Svizzero (ZIVI)

    Il periodo minimo dipende dal mansionario ma è di almeno tre mesi. I mansionari sono per collaboratori sanitari, educativi e tecnici ambientali.

    3. Stage

    Il periodo di stage è da concordare con la scuola. Il periodo minimo di stage sono 12 settimane.

    Formulario di contatto

    Inviateci le vostre richieste per maggiori informazioni sui progetti e su come sostenerli.

    AMCA
    Tel +41 91 840 29 03
    Fax +41 91 840 29 04
    E-mail: info@amca.ch

    Persona di contatto:
    Manuela Cattaneo Chicus
    Coordinatrice progetti – AMCA